prarostino

Il Comune di Prarostino sorge, in splendida posizione collinare e montuosa, a pochi Km da Pinerolo (TO) alla confluenza delle valli Chisone e Pellice note anche come Valli Valdesi.

Per raggiungere Prarostino si consiglia il seguente percorso:

da Torino, imboccare la circonvallazione di Pinerolo in direzione Sestiere, uscire dalla circonvallazione per San Secondo di Pinerolo; giunti al centro del paese seguire le indicazioni per Prarostino.

Benvenuto nel sito Istituzionale del Comune di Prarostino

Associazioni

Le associazioni

Il piccolo Comune di Prarostino è caratterizzato da una forte presenza di associazioni e gruppi che, pur con attività e fini diversi, favoriscono la socializzazione ed il coagulo di una popolazione fisicamente spezzettata in una miriade di borgate.

 

 

La Compagnia dei Balestrieri di Roccapiatta

La Compagnia dei Balestrieri di Roccapiatta

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

balestrieri

La Compagnia dei Balestrieri di Roccapiatta viene rifondata come gruppo folcloristico nel 1976, nell’ambito della Proloco di Prarostino, con l'intento di rievocare le antiche tradizioni.

Affinché i Balestrieri fossero ben padroni delle loro armi lo Statuto, scritto nel 1388, stabiliva una serie di regole sulla consegna delle balestre, sull'uso e sugli allenamenti che avevano il loro culmine con la manifestazione di tiro di San Lorenzo.

Fin dalla nascita della Compagnia viene disputato il Palio detto del Pappagallo, rievocazione storica che anticamente sanciva l’esonero del pagamento delle tasse per il vincitore del torneo.

Ogni anno si svolge la tradizionale Serata Medioevale. Nel buio rotto solo dalle fiaccole, il pubblico siimmerge nei tempi passati attraverso la Porta del Tempo nel centro storico del paese.

Gruppo Faro

All’interno si trovano giullari, damigelle di corte, maestri del fuoco ed antichi lavoratori. Salendo verso l’arena dei Balestrieri si potranno osservare gli stessi impegnati nel Palio del Pappagallo, la sfida notturna annuale tra le Borgate Prustin d’ amount (Prarostino di sopra) e Prustin d’ aval (Prarostino di sotto).

In questa occasione il gruppo dei balestrieri si divide nelle due fazioni, a seconda della provenienza e del sentimento di ciascuno.

palio balestrieri 12

Dal 3 maggio 1987, la compagnia è entrata a far parte della LITAB (Lega Italiana di Tiro alla Balestra Antica) con le compagnie di Assisi, Pisa, Terra del Sole e Ventimiglia. Ogni anno si disputa il Campionato Italiano LITAB che si svolge a turno nelle varie città. Prarostino ha organizzato questa manifestazione nel 1989, nel 1994, nel 2005 e nel 2016.

Attualmente fanno parte della LITAB,nella specialità di tiro con la balestra da banco, le compagnie di Amelia (TR), Assisi (PG), Chioggia (VE), Gualdo Tadino (PG), Iglesias (CI), Contrade di S.Paolino di Lucca,Montefalco (PG), Norcia (PG), Pisa, Roccapiatta, Terra del Sole (FC), Ventimiglia (IM), Volterra (PI), 

 

La Compagnia ha conquistato il titolo Nazionale a squadre nei Tornei del 1993, 1999 e 2002.

Tra i propri Balestrieri vanta 3 vincitori del Campionato Individuale: Enzo Avondetto nel 1991, Luciano Monnet nel 1998 e Fulvio Reale nel 2017.

TDS 2017 0367 2

 

Ogni anno, in vista del Campionato Nazionale di Tiro con la Balestra antica da Banco, i balestrieri, attualmente una ventina, si organizzano per svolgere al proprio interno una serie di gare di qualificazione che decretano i migliori 15 balestrieri che parteciperanno al Campionato.

Queste gare, oltre ad essere delle vere e proprie eliminatorie, consolidano il gruppo e, mettendo in palio dei premi per i primi in graduatoria, creano un giusto agonismo che fortifica la squadra.

 

Lo spettacolo viene arricchito dal rullare dei tamburi e dal colorato sventolare delle sbandieratrici, uno dei pochi interamente al femminile in Italia. Gonfalone e dame in costumi d’epoca valorizzano la sfilata.

La compagnia, oltre ad aver effettuato moltissime esibizioni in Italia, ha partecipato a diverse manifestazioni all’estero: Austria (Vienna), Ungheria (Vetzprem), Svizzera (Mont sur Rolle), Francia (Beauvais e Cordes).

 

Alcuni particolari delle balestre
La balestra usata nelle gare è una fedele riproduzione delle armi da posta del 14°-16° secolo.

balestra2

E’ composta da un teniere in legno massiccio scolpito, al quale è applicato un arco d'acciaio, con corda ed accessori di mira rigorosamente attinenti all’epoca. Le frecce dette "verrette" vengono scagliate sul bersaglio da una distanza di 36 metri con una potenza allo sgancio che può raggiungere i 1.500 Kg.

Consiglio Direttivo (rinnovato nel 2017)
Presidente: Flavio Rivoiro
Maestro d'Arme: Franco Avondetto
Vice-Presidente: Monica Colomba
Segretario: Eleonora Capitani
Cassiere: Adriana Boaglio
Consiglieri: Livio Bruno,Fabrizio Cara, Simona Piccato, Davide Pons, Luca Rivoiro, Fulvio Reale (Campione Nazionale).

Presidente Onorario: Marco Paschetto

litab

LITAB (Lega Italiana Tiro Alla Balestra antica)

 

 
 

Avis

Sezione di Prarostino recapito mail:   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
             

 

                                                                           

 

AVIS Nazionale

rombo

L'Associazione Volontari Italiani del Sangue, un'associazione privata che persegue scopi e finalità di pubblico interesse, nasce negli anni '20 dall'idea di un medico, il Dott. Vittorio Formentano, che, con un primo gruppo di volontari, dà inizio a quella che diventerà poi la più numerosa Associazione di donatori di sangue sia in Italia che nel mondo. L'AVIS esclude qualsiasi fine di lucro e partecipa, in regime di convenzione, con il Servizio Sanitario Nazionale, alla raccolta del sangue con proprie strutture e personale.

 

40° anniversario  (vedi le foto 1-2-3-4-5 )

 

La sezione di Prarostino (vedi l'organigramma 2013-2016) viene fondata nel 1971 principalmente da due grandi famiglie: i Coisson e i Monnet, a cui in seguito si sono aggiunte molte altre persone. La sezione non effettua prelievi tramite autoemoteca, ma si avvale solamente del centro trasfusionale gocciadell'ospedale civile Agnelli di Pinerolo.

altruisIl sangue umano è un prodotto naturale, spontaneo, non riproducibile artificialmente, indispensabile alla vita. E' anche fonte di energia rinnovabile ed è quindi possibile privarsi di una parte di esso senza avere danni, perchè l'organismo lo reintegra prontamente. Donare sangue volontariamente e con consapevolezza rappresenta un gesto importante: vuol dire infatti rendere concreta la propria disponibilità verso gli altri ed anche verso se stessi, poiché così facendo si alimenta un "patrimonio" collettivo di cui ciascuno può usufruire al momento del bisogno.

 

Per essere donatori di sangue occorre avere buona salute e almeno 18 anni, pesare almeno 50 Kg., e non avere sofferto di malattie importanti (ad esempio affezioni cardiovascolari, ulcera gastroduodenale); in ogni caso il colloquio con il medico ed appositi esami di laboratorio verificheranno l'idoneità alla donazione. Le donne in età fertile possono donare il sangue al massimo due volte all'anno, non debbono farlo durante le mestruazioni o la gravidanza e per un anno dopo il parto.

fragola

Per legge il lavoratore dipendente ha diritto ad una giornata di riposo ed alla corresponsione della normale retribuzione, in concomitanza con la donazione.

manavis2003

La donazione mirata: consiste nel prelevare solo una parte del sangue (plasma, piastrine, ecc.) e restituire il resto al donatore. Queste tecniche, indicate con globalmente con il nome di "aferesi" troveranno un'applicazione sempre più estesa, per favorire un uso più razionale del sangue.

 

 

 

AVIS di Prarostino
Piazza Libertà 3 Prarostino
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

numverde

Chi può donare

 

Sesso: uomini e donne
Età :  compresa tra 18 anni e i 60 anni (per candidarsi a diventare donatori di sangue intero) , 65 anni (età massima per proseguire l'attività di donazione per i donatori periodici), con deroghe a giudizio del medico
Peso : più di 50 Kg
Pulsazioni: comprese tra 50-100 battiti/min (anche con frequenza inferiore per chi pratica attività sportive)
Pressione arteriosa : tra 110 e 180 mm di mercurio (Sistolica o MASSIMA)
tra 60 e 100 mm di mercurio (Diastolica o MINIMA)
Stato di salute : buono
Stile di vita : nessun comportamento a rischio
 

 

Auto esclusione :
E' doveroso autoescludersi per chi abbia nella storia personale:

  • assunzione di droghe
  • alcolismo
  • rapporti sessuali ad alto rischio di trasmissione di malattie infettive (es. occasionali, promiscui, ...)
  • epatite o ittero
  • malattie veneree
  • positività per il test della sifilide (TPHA o VDRL)
  • positività per il test AIDS (anti-HIV 1) 
  • positività per il test dell'epatite B (HBsAg) 
  • positività per il test dell'epatite C (anti-HCV)  
  • rapporti sessuali con persone nelle condizioni incluse nell'elenco
 

Intervalli e frequenze: l'intervallo minimo tra una donazione di sangue intero e l'altra è di 90 giorni. La frequenza annua delle donazioni non deve essere superiore a 4 volte l'anno per gli uomini e 2 volte l'anno per le donne.

 

Sicurezza e test

 

Per ogni unità raccolta, sia essa di sangue intero, plasma o piastrine o altri emocomponenti, vengono effettuati accertamenti di laboratorio, atti a valutarne l’idoneità a essere trasfusa, e precisamente:

  • Emocromo completo per lo studio di globuli rossi, globuli bianchi e piastrine
  • Transaminasi ALT (per lo studio del fegato)  
  • Sierodiagnosi per la lue o sifilide  
  • HIV Ab 1-2 (per l’AIDS) 
  • HBs Ag (per l’epatite B) 
  • HCV Ab e ricerca di costituenti virali dell’HCV (per l’epatite C)  
  • Controlli e determinazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh
 
 

Secondo le normative vigenti in campo trasfusionale infatti, nessuna unità può essere distribuita se non è stata prima testata per le evidenziabili malattie virali a oggi trasmissibili. Il donatore periodico, oltre agli esami sopra riportati, ogni anno deve essere sottoposto ai seguenti esami: creatininemia, glicemia, proteinemia, sideremia, colesterolemia, trigliceridemia, ferritinemia.

 

Oggi la sicurezza trasfusionale si basa su:

  • ricorso a donatori periodici e consapevoli
  • esecuzione dei test disponibili per la rilevazione dei principali agenti infettivi trasmissibili 
  • buon uso del sangue
 

Autoesclusione dalla donazione

 

Fermo restando i controlli effettuati su ciascuna unità prelevata e l'aiuto del medico trasfusionista, vincolato dal segreto professionale, a chiarire e valutare le specifiche situazioni, è doveroso autoescludersi per chi abbia nella storia personale:

  •  assunzione di droghe
  •  rapporti sessuali ad alto rischio di malattie infettive trasmissibili (ad es. rapporti occasionali, a pagamento, con persone sconosciute, promiscui)  
  • epatite o ittero 
  • malattie veneree  
  • positività per il test della sifilide (TPHA o VDRL) 
  • positività per il test AIDS (anti-HIV 1) 
  • positività per il test dell'epatite B (HBsAg)  
  • positività per il test dell'epatite C (anti-HCV) 
  • rapporti sessuali con persone nelle condizioni incluse nell'elenco
 

L'autoesclusione dalla donazione avviene senza dover dare spiegazioni a nessuno.

 

 

 
 
avis_2003_4

 

 

Associazione AVIS di Prarostino: la sezione in cifre

Statistiche della nostra sezione 


 
 
 
 
 
banner  banner
 
 
mani

A.S.D. Conca Verde

Aib

 

Logo AIB

La squadra antincendio di Prarostino nasce con lo spirito di operare nel campo dello spegnimento degli incendi boschivi, divenuti oramai all'ordine del giorno nel nostro territorio.

 

Passando gli anni l'operatività della squadra si é rivolta anche e soprattutto ad altre necessità di difesa del territorio quali gli interventi, fino ad ora effettuati in occasione di frane, eventi meteorologici eccezionali, organizzazione di "roide" per la sistemazione di frane e aree dismesse, nonché la collaborazione e l'intervento per ogni esigenza che il territorio o la popolazione necessiti.

aib2

Dopo vari cambiamenti strutturali attualmente la squadra opera sulla base di una convenzione con la Regione Piemonte, ai sensi della L.R. 16/94, ed alle dipendenze operative del Corpo Forestale dello Stato.

La squadra di Prarostino è inserita nell'area di base n° 26 che comprende la totalità dei comuni della Comunità montana pinerolese pedemontano.

 

Un pò di storia

 

1976 nasce in collaborazione con l'amministrazione comunale e la comunità montana Pinerolese pedemontano la prima squadra antincendi oschivi composta da circa una ventina di volontari.

 

1980-85 la squadra antincendio si organizza approvando e rendendo operativi i primi regolamenti di chiamata;intanto la squadra cresce a un numero di 33 volontari.

 

1985-90 sono gli anni dedicati alla riorganizzazione operativa della squadra per renderla più funzionale ed efficace negli interventi: le squadre diventano tre denominate S. BARTOLOMEO, COLLARETTO e ROCCO; viene migliorata l'attrezzatura in dotazione, sia a livello individuale che di squadra, con un significativo sforzo di autofinanziamento da parte dei componenti stessi.

 

1990 il 15 febbraio il fortissimo vento innesca un incendio che coinvolge tutto il territorio comunale con la distruzione di decine di abitazioni e infrastrutture.La squadra si prodiga, sia per le operazioni di spegnimento che per la ricostruzione cercando di creare le condizioni perchè questo disastro non accada mai più.

 

1990-94 grazie all'intervento del comune di Prarostino e ai finanziamenti regionali, tramite la comunità montana pinerolese pedemontano, si riesce a dare al nucleo maggiore operatività con l'arrivo di nuove attrezzature.

 

1994 la squadra entra a pieno titolo a far parte della neonata Associazione Regionale anti incendi boschivi del Piemonte.

 

2000 dopo la trasformazione da parte della regione in corpo AIB del Piemonte anche la nostra squadra entra a far parte della nuova struttura organizzativa che prevede, partendo dalla suddivisione dei soggetti inquadrati in AIB Volontari e AIB di supporto, le figure dei Capisquadra, dei Comandanti di Distaccamento, degli Ispettori Provinciali, dei Referenti Provinciali, degli Ispettori Regionali e dell'Ispettore Generale.

 

OGGI Attualmente la squadra è composta da 25 volontari effettivi più 6 con funzioni di supporto.

 

 

 

Squadra di Prarostino

 
 

AREA DI BASE 26

 
 

Sede operativa: via Piani, 1

 
 

TEL / FAX 0121 502066

 
 

e.mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 
 

 

 

Che cosa sono gli incendi boschivi
"Viene definito incendio boschivo una combustione che: si propaghi in un bosco e che sia: vasta ; diffusibile; difficile da spegnere. L'incendio viene considerato come boschivo anche se non riguarda rigidamente aree coperte da bosco, ma incolti, cespugliati, pascoli o altre coperture vegetali." - (G. Bovio).

aib3

 

Le cronache di questi ultimi anni hanno portato all'attenzione di tutti il problema degli incendi boschivi a seguito dei quali ogni anno vanno in fumo centinaia e centinaia di ettari di boschi e foreste.

 

Come se non bastasse gli incendi distruggono in maniera irreparabile gli ecosistemi e gli equilibri naturali del bosco per molti anni consecutivi accentuando le cause dei sempre piu frequenti eventi catastrofici quali alluvioni e frane.

 

aib4

 

Il numero annuo di incendi in Italia è passato da 6.000 negli anni '60, a 12.000 negli anni'80 e a 15.000 oggi corrispondenti a 42 incendi al giorno, quasi 2 all'ora.

 

Per dare una dimensione al problema, basta considerare che ogni anno vanno distrutti mediamente circa 4.800 ettari di bosco solo nella nostra regione, con punte, in alcuni anni di 20.000 ettari circa.

 

Le cause che scatenano questi eventi possono essere le seguenti:

 

* L'autocombustione;
* L'inosservanza di semplici norme di prevenzione;
* Gl'inneschi dolosi da parte dell'uomo anche per motivi speculativi e di profitto;

 

Ma mentre la prima possibilità si verifica solo in particolarissime circostanze, le altre si verificano sempre con più frequenza e si presentano come quelle più difficili da combattere.

 

Cosa fare se si avvista un incendio:

 

Chiamare il Numero telefonico nazionale 1515 (senza prefisso) del CORPO FORESTALE DELLO STATO

aib5

 

 

Inoltre, se direttamente coinvolti, seguire le regole suggerite qui di seguito:

 
  •  Se è un principio di incendio, tentare di spegnerlo, solo se si è certi di una via di fuga, tenendo le spalle al vento e battendo le fiamme con un ramo verde fino a soffocarle;
  •  Non sostate nei luoghi sovrastanti l'incendio o in zone verso le quali soffi il vento; 
  • Non attraversate la strada invasa dal fumo o dalle fiamme; 
  • Non parcheggiate lungo le strade. L'incendio non è uno spettacolo; 
  • La strada è chiusa? Non accodatevi e tornate indietro;  
  • Permettete l'intervento dei mezzi di soccorso, liberando le strade e non ingrombrandole con le proprie autovetture;  
  • Indicate alla squadre antincendio le strade o i sentieri che conoscete; 
  • Mettete a disposizione riserve d'acqua ed altre attrezzature;
 
" Il bosco bruciato e' una sconfitta, il bosco salvato e' una speranza " ( A. Alessandrini)

SportivaMente

 

sportivamente

L'associazione SportivaMente ha lanciato una campagna di raccolta fondi on-line per rinnovare il laboratorio di informatica della scuola di Prarostino. Lo scopo è quello di sostituire le attrezzature vecchie e installare programmi aggiornati. Non chiediamo tanto, basta poco, ma più persone donano qualcosa più fondi si raccolgono più potremo migliorare un serivizio utile per i bambini della nostra scuola.

Il link per donare è:

http://www.kapipal.com/71e9d7b8960443b6b45c0b173edfce01

Grazie a tutti!

 

L'associazione SportivaMente è nata nella primavera del 2003 dall'idea di alcuni genitori con obiettivi di promozione delle attività sportive, ricreative e culturali con l'utilizzo degli impianti e strutture Comunali per i giovani di Prarostino. E' affigliata alla UISP.

Ogni anno organizza corsi di ginnastica a vari livelli per giovani ed adulti; corsi di avviamento alle arti marziali; corsi di danza; laboratori di creatività; corsi di cucina, decoupage e fotografia.

Nel corso del 2007, in collaborazione con l'Amministrazione Comunale, con il Servizio Civico Anziani e grazie anche ad un contributo della Regione è stato realizzato il "Centro Incontro" situato nei locali adiacenti alla scuola, questa struttura è nata con l'obbiettivo di proporre un luogo dove ritrovarsi per giocare, studiare e creare quindi un centro di aggregazione atto a formare gruppi con valori positivi; fornire aiuto scolastico ad alunni in difficoltà; organizzare momenti d'incontro con partecipazione a spettacoli, concerti, gare sportive.

centro-incontro

Interno del Centro Incontro

A.N.A.

Bocciofila Prarostinese

Associazione Promuovere Salute

Associazione Vignaioli Prarostinesi

Modulistica associazioni

MODULISTICA ASSOCIAZIONI

LOGO modulistica

1

Regolamento per la concessione di contributie agevolazioni alle associazioni di volontariato

clicca

2

Richiesta contributo ordinario

3

Richiesta contributo straordinario

4

Richiesta patrocinio

Richiesta di iscrizione all'Albo delle Associazioni

 

ALBO ASSOCIAZIONI

Comune di Prarostino - Piazza della Libertà, 15 - 10060 Prarostino (TO) -
Tel. 0121.500.128 - Fax 0121.501.792 - P.I. 02511260016 - C.F. 85002710011 -